[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d2799.638651492865!2d10.989411914972928!3d45.4367850432943!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x477f5f443ff71301%3A0x6aa5413e56c17aa5!2sPiazza+Cittadella%2C+1%2C+37122+Verona+VR!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1490864675366&w=600&h=450]
Home / comunicato / Famiglia è Futuro” interviene nel dibattito sulle droghe: “È devastante che un ragazzino si droghi, non che i genitori lo sappiano dai medici” – 07feb20

Famiglia è Futuro” interviene nel dibattito sulle droghe: “È devastante che un ragazzino si droghi, non che i genitori lo sappiano dai medici” – 07feb20

“Si facciano I controlli anti droga nelle scuole. Sono un inequivocabile segnale educativo in contro tendenza rispetto alla linea politica nazionale, distruttiva, degli ultimi anni in termini di politiche giovanili, culturali e di salute nonché di contrasto alle tossicodipendenze”.

Così Filippo Grigolini presidente di Famiglia è Futuro. “Chiediamo all’amministrazione di non rinunciare a questo progetto, e di non cedere a ragioni elettoralistische di visibilità. Partendo dal dato scientifico che tutte le droghe fanno male e che non esistono droghe leggere ma solo droghe che nuocciono in maniera diversa, è divenuto non più procrastinabile intervenire con fermezza” ha proseguito Grigolini. “Se viene meno la capacità educativa della famiglia di aiutare i figli a comprendere questi semplici elementi, in una società dove ormai tutto è permesso, questa azione promossa dalla politica segna un confine, pone un limite e dice ai ragazzi che non tutto è lecito“.

“In una società permissiva come la nostra, questo intervento chiaro delle istituzioni contro le droghe ė   anche  un forte segnale culturale utile per i giovani e le famiglie” Ha sottolineato Antonio Zerman consigliere in seconda circoscrizione. “Nascondere la polvere sotto il tappeto o voltarsi dall’altra parte e continuare a non voler sapere non aiuta nessuno, tanto meno i nostri ragazzi. Ci chiediamo se sia più devastante che un ragazzino si droghi o che i genitori lo vengano a sapere dai medici, solo perché non hanno svolto fino in fondo il loro compito?” ha concluso Andrea Cona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top